Home / EVENTI / Conferenza “Occhio e Psiche”

Conferenza “Occhio e Psiche”

CONFERENZA “OCCHIO E PSICHE”

L’approccio multidisciplinare integrato nella cura dei disturbi visivi per il benessere degli occhi

SABATO 18 NOVEMBRE 2017 Ore 9.00 – 12.00
presso la Sede dei Missionari Comboniani (comodo parcheggio a lato)
Via S. Giovanni di Verdara 139 – Padova
INGRESSO LIBERO

Gradita la prenotazione a: sipneivenetofriuli@gmail.com

Per info e comunicazioni: dott.ssa M. Martinelli, cell. +39 333 945 5084 – dott.ssa V. Ravagnan, cell. + 39 328 188 4190

PRESENTAZIONE
Modello biopsicosociale, attaccamento e PNEI

La vista è uno dei sensi più importanti nella comunicazione umana, pertanto gioca un ruolo particolare nella costruzione del cervello e dei sistemi di regolazione (Winnicot D., Siegel D.J, Poerges S., Tronick E.).

Secondo l’approccio integrato (Reich W., Cusani M., Basile A., Strempel I.) l’occhio è lo specchio della salute, perciò deve essere conosciuto nelle sue dinamiche, interazioni e influenze reciproche con altri sistemi (fisiologico, percettivo e psicologico). Gli studi di neurobiologia degli affetti dimostrano l’importanza dell’occhio e dello sguardo nella comunicazione sociale e nello sviluppo del cervello del bambino (Ogden P., Kekuni M., Giovanozzi G., Martinelli M.), quindi anche il sistema di valutazione e di analisi dei disturbi visivi (miopia, occhio secchio, glaucoma, congiuntiviti, retinopatie e altre affezioni oculari) necessita di una rivisitazione in chiave PNEI.

La visione come esperienza: impariamo a percepire i nostri occhi

I relatori vogliono illustrare il modello funzionale visivo che considera l’occhio parte di un sistema ampio e complesso che interagisce continuamente con il resto del corpo (sistema immunitario, sistema fisiologico, affetti, percezioni) e della personalità del soggetto.

L’evento formativo è rivolto a psicologi, psicoterapeuti, medici, pediatri, oculisti, ortottisti, assistenti sanitari, terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, neuropsichiatri, ottici, optometristi, logopedisti, insegnanti, educatori e quanti interessati alle complesse dinamiche occhio-mente-corpo.

 

Top